..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
AC


DOSSIER
X
Il WWF sul "Mare d’inverno in Sardegna" al tempo del cambiamento climatico

Erosione costiera, plastiche, inciviltà, ma anche bellezze da ammirare

















Cagliari, 7 febbraio 2019

In Sardegna gli studi scientifici (Ispra) documentano che tra i principali impatti del cambiamento climatico sulle coste dell’isola, negli ultimi 50 anni, si sono perse superfici di spiaggia lungo circa 107 km di costa, mentre secondo le valutazioni del Gruppo Nazionale per la Ricerca sull’Ambiente Costiero le erosioni si sono manifestate lungo 165 km pari al 36% delle coste sabbiose.

Viene rilevato un arretramento di quasi 20 metri nell’area costiera di Porto Torres. Il mare e le spiagge sono beni comuni che non possono essere considerati oggetti di consumo “usa e getta” utilizzabili senza freni nel periodo estivo sfruttandone le risorse ben oltre i limiti di sostenibilità per poi abbandonarli all’incuria nel periodo invernale. Il mare d’inverno ha anche una magica bellezza selvaggia che nessuno deve svilire.

Una passeggiata lungo la linea di costa può costituire un’esperienza indimenticabile e far scoprire sulla battigia le “tracce” di specie come quelle della Pinna nobilis, delle alghe (Codium bursa) dalla caratteristica forma di palla o le foglie spiaggiate della Posidonia oceanica, vera e propria pianta del mare Mediterraneo importantissima per l’ecosistema marino.

“La nostra associazione - ha dichiarato Carmelo Spada delegato del Wwf Italia per la Sardegna - con il dossier “IL MARE D’INVERNO in Sardegna al tempo del cambiamento climatico: erosione, plastiche, inciviltà” vuole porre all’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica i segni di una preoccupante erosione costiera determinata dal cambiamento climatico e accentuata dalle attività antropiche scorrette, inciviltà e presenza di plastiche, ma anche aspetti positivi. Le immagini descrivono la situazione meglio di qualsiasi parola. Il dossier - ha continuato il delegato regionale dell’associazione del Panda - oltre che un urlo di dolore per la condizione delle spiagge e del mare vuole essere una dichiarazione d’amore per un bene comune prezioso da tutelare per poter essere consegnato alle generazioni future. Auspichiamo che si prenda collettivamente coscienza dell’erosione, delle plastiche e di tutti i rifiuti che vengono irresponsabilmente gettati in mare. La fotografia di copertina che apre il dossier documenta un barile “rigettato” insieme a tanta plastica dalle burrasche su una spiaggia del nord-Sardegna. Una presenza aliena simbolo “concreto” di un uso scorretto del Mare Nostrum. Altre foto emblematiche documentano in maniera inequivocabile l’erosione in atto nella spiaggia di Maria Pia di Alghero; in alcuni tratti, le dune sono state letteralmente smantellate in altezza per diversi metri lasciando scoperte le radici dei ginepri e dei pini. Sono necessarie azioni per la ricostituzione e consolidamento delle dune anche con la messa a dimora delle piante pioniere e il riposizionamento della posidonia, naturale protezione del litorale”.

In Italia, quasi il 90% degli habitat dunali è in uno stato di conservazione inadeguato, per contrastare queste situazioni si attuano progetti di mitigazione come il Life Redune coordinato dall’Università Ca’ Foscari Venezia che prevede, tra l’altro, la piantumazione di oltre 150 mila piante su 80 ettari costieri di diversi comuni della città metropolitana di Venezia.

“Tutti insieme dobbiamo mobilitarci per salvare la biodiversità del Mediterraneo, un mare di straordinaria bellezza, con oltre 17.000 specie, di flora e fauna minacciata dalla pesca eccessiva ed illegale, dall’inquinamento (plastica e contaminanti chimici), dal traffico marittimo in continuo aumento, dall’invasione di specie aliene e dall’acidificazione delle acque tutti fenomeni che incidono negativamente sul delicato equilibrio su cui si regge l’ecosistema del Mare Nostrum. Nonostante i problemi una passeggiata invernale lungo la battigia delle spiagge può far vivere un’esperienza di magica bellezza selvaggia” - ha concluso il delegato del Wwf Italia per la Sardegna.


- AMBIENTE (index)

- ALGHERO
- 2019
- Bidone "spiaggiato" a Fertilia
- WWF

- FOTOGALLERY >>> 1 - 2 - 3 - 4

PRIMI TEMPI
X
X
X
X


1966
incontri
1970
iniziativa politica
1971 - numeri unici
alghero cronache
1972 - periodico
alghero cronache