..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Ambiente index >>> FOTOGALLERY
Gallura, la gelata notturna ha danneggiato migliaia di ettari di vigneto

SASSARI - L’andamento climatico degli ultimi due mesi ha causato nei vigneti un risveglio vegetativo anticipato e il freddo intenso di stanotte ha danneggiato i germogli. Coldiretti Gallura: “Compromessa gran parte della produzione”. Attivate le strutture dell’Assessorato regionale dell'Agricoltura per monitorare la situazione







BERCHIDDA - Una delle aree colpite dalle gelate notturne

Sassari, 20 aprile 2017


Il crollo delle temperature, arrivato dopo venti giorni di alta pressione, ha causato ingenti danni nell’agro gallurese dove si è registrata un’escursione termica di circa 20 gradi. Migliaia di ettari di superficie vitata sono stati colpiti dalle gelate notturne che hanno bruciato i germogli già sbocciati a causa dell’anticipazione del ciclo vegetativo.

L’area più colpita è stata quella di Berchidda ma lo stesso problema è stato avvertito a Olbia, Loiri, Monti, Calangianus e Telti. La preoccupazione degli imprenditori vitivinicoli è che lo stesso fenomeno si possa ripetere anche stanotte e venerdì notte compromettendo così gran parte della produzione.

«Ci troviamo di fronte all’ennesima bizza di un clima sempre più instabile. L’andamento climatico degli ultimi due mesi - afferma il direttore della Coldiretti Sassari e Gallura, Ermanno Mazzetti - ha causato nei vigneti un risveglio vegetativo anticipato e il freddo intenso di stanotte ha danneggiato i germogli. Al momento non è possibile fare una precisa conta dei danni anche se appare chiaro che gran parte della produzione primaria possa essere andata persa».

«Le gelate primaverili - aggiunge il presidente della Coldiretti Gallura, Gianbattista Manduco - sono molto pericolose perché quando la temperatura scende di qualche grado sotto lo zero le gemme delle vigne cadono e viene compromessa la produzione di uva. Già negli anni passati il settore vitivinicolo è stato vittima delle gelate primaverili con una contrazione della produzione Made in Italy».

I primi mesi del 2017 sono stati tra i più instabili degli ultimi anni. Dopo il forte vento e le nevicate invernali che hanno danneggiato strutture agricole, sugherete e colture, i mesi scorsi sono stati caratterizzati dall’assenza di pioggia. La siccità ha compromesso non solo la produzione agricola ma anche il comparto zootecnico del nord Sardegna: oltre al calo nella produzione del latte, infatti, in questi giorni gli imprenditori agricoli galluresi fanno fatica a trovare il foraggio per il bestiame.

“Siamo molto preoccupati per il repentino cambiamento climatico che ha colpito in queste ultime ore la Sardegna, soprattutto per i problemi che potrebbero interessare le colture dei diversi territori dell’Isola”. Lo ha detto l’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, nel commentare l’improvviso abbassamento delle temperature che ha interessato la Sardegna. “Abbiamo subito attivato le strutture dell’Assessorato, e in particolare delle Agenzie agricole regionali dislocate sul territorio, - ha proseguito Caria - per monitorare la situazione con report diretti dalle zone maggiormente colpite, come i vigneti della Gallura, anche attraverso il confronto con agricoltori e allevatori. Nei prossimi giorni - ha concluso l’assessore - riusciremo sicuramente ad avere un quadro più chiaro su cui baseremo i nostri futuri ragionamenti”.
BERCHIDDA - Una delle aree colpite dalle gelate notturne
BERCHIDDA - Una delle aree colpite dalle gelate notturne

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici