..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Cultura index >>> FOTOGALLERY
Presentazione del Newroz, la festa della resistenza del popolo curdo

CAGLIARI - Sabato 18 marzo alle ore 10.30 a Cagliari in Via Romagna n.16, nella sede dell’ASARP presso il Padiglione E della Cittadella della Salute incontro con la stampa indetto dalla Rete Kurdistan Sardegna









Donne curde ballano con gli abiti tradizionali durante la Festa del Newroz

Cagliari, 16 marzo 2017

La Rete Kurdistan Sardegna indice una conferenza stampa sullo stato dei diritti umani del popolo curdo e sulla presentazione della festa del Newroz in Sardegna che che si svolgerà sabato 18 marzo alle ore 10.30 a Cagliari in Via Romagna n.16, nella sede dell’ASARP presso il Padiglione E della Cittadella della Salute.

Interverranno i rappresentanti della Rete Kurdistan Sardegna insieme a Fuat Kav, membro del Congresso Nazionale kurdo (KNK). Tra i fondatori del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) in carcere in Turchia dal 1980 al 2000, attivo nelle lotte contro tortura e repressione. Oggi vive in Europa.

Sarà inoltre presentata la festa del Newroz che si svolgerà Sabato 18 marzo 2017 alle 16.30 nello Studentato Occupato Sa Domu di Cagliari in via Lamarmora 126. Newroz è il nome dato alla festa del capodanno Curdo, una festa di origine persiana che coincide con l’Equinozio di Primavera. Nella mitologia curda la festa celebra la liberazione dei curdi dal tiranno ed è un momento in cui ci si riunisce anche per dimostrare solidarietà alla causa curda.

Per la Rete Kurdistan Sardegna il Newroz rappresenta la festa della liberazione, della dignità e della resistenza all’oppressione: “Nel Kurdistan vessato da una persecuzione senza sosta il Newroz è un altro giorno di lotta al fascismo di Erdogan e del suo partito AKP, una giornata speciale per il riscatto di tutti i popoli oppressi, un invito speciale per tutti i democratici e i rivoluzionari del mondo perché si uniscano in nome dell’umanità e costruiscano assieme un mondo di pace, cooperazione e uguaglianza”.

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici