..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Ambiente index >>> FOTOGALLERY
La 'Lymantria dispar' flagella le sugherete della Sardegna

CAGLIARI - Un allarme già lanciato durante la scorsa estate in Consiglio regionale dal capogruppo Udc Gianluigi Rubiu, anche attraverso un’interpellanza rivolta all’assessore all’ambiente


Da Sx - Lymantria dispar - Quercia
Cagliari, 27 gennaio 2017

Il Sulcis Iglesiente flagellato dalla processionaria killer. Il passaggio del bruco tra le sugherete della Sardegna si sta rivelando devastante, con centinaia di querce distrutte dalle larve della processionaria. Un allarme già lanciato durante la scorsa estate dal capogruppo Udc Gianluigi Rubiu, anche attraverso un’interpellanza rivolta all’assessore all’ambiente.

Non solo le zone del nuorese e dell’oristanese, ma anche una grande fetta del Sulcis Iglesiente è stata invasa dal lepidottero. Inascoltati gli appelli per salvaguardare i boschi di macchia mediterranea che si allungano da Iglesias a Buggerru, per poi allargarsi a Fluminimaggiore, Nuxis, Narcao, Santadi, Domusnovas e Villamassargia.

<<La giunta Pigliaru non ha destinato risorse sufficienti per preservare le piante da questo attacco, con la perdita di un vasto patrimonio ambientale già l’anno scorso. Le sugherete del Sulcis, del nuorese e dell’oristanese - dice Rubiu - saranno distrutte anche quest’anno per la mancanza di trattamenti fitosanitari in via preventiva. L’offensiva contro la processionaria (Lymantria dispar il nome scientifico) avrebbe consentito di salvaguardare diversi ettari di oasi all’interno della Sardegna>>.

E, invece, le risorse sono state dirottate altrove. <<Con la devastazione delle foreste saranno, di fatto, inevitabili i riflessi negativi dal punto di vista economico -conclude Rubiu- con la perdita di diversi quintali di prodotto, che alimentano l’industria del sughero in Sardegna con diversi posti di lavoro. Una calamità per le zone boschive. Un danno enorme, visto che viene distrutto il fogliame delle sugherete, impedendo lo sviluppo e la produzione delle ghiande, alimentazione fondamentale per cinghiali, maiali e non solo, indispensabili per il biosistema naturale. La Regione dovrebbe intervenire per evitare la cancellazione di numerosi esemplari di sugherete, ma l’allarme delle stesse associazioni di categoria è sinora stato disatteso con uno scempio enorme dal punto di vista ambientale>>.
Lymantria dispar

 

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici