..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Ambiente index >>> FOTOGALLERY
La Campagna Bellieni è salva dal cemento!

SASSARI - Un'area di 6,5 ettari ricca di ulivi nell'agro di Sassari, che non verrą destinata a interventi di edilizia residenziale pubblica come originariamente indicato nel Piano urbanistico comunale di Sassari







La "Campagna Bellieni"

Sassari, 5 gennaio 2017


Con decreto della Commissione regionale Patrimonio culturale n. 247 del 4 novembre 2016, è stata dichiarata “bene storico-culturale” (artt. 10 e ss. del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) la “Campagna Bellieni”, scongiurando di fatto la destinazione a interventi di “edilizia residenziale pubblica” stabilita ottusamente nel piano urbanistico comunale (P.U.C.) di Sassari.

Si tratta della positiva conclusione della lunga battaglia condotta dalla Famiglia Bellieni, fiancheggiata dal Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, per veder riconosciuto il diritto alla salvaguardia di un vero e proprio gioiello ambientale e dell’identità sassarese.

La “Campagna Bellieni”, 6,5 ettari nella località Baddi Manna – Cabbu di Spiga, ricchi di Olivi (Olea europaea), Lecci (Quercus ilex), Pini neri (Pinus nigra), Lentischi (Pistacia lentiscus), Mandorli (Prunus dulcis), Allòri (Laurus nobilis), Viburni (Viburnnus tinus), Ginestre (Genistae), nonché di fauna tipica della campagna mediterranea (rapaci, passeriformi, turdidi, ecc.), è un'area tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e dal piano paesaggistico regionale (P.P.R.).

E’ la storica “campagna” dei Bellieni, di Camillo, politico, eroe di guerra, fra i fondatori del Movimento dei Combattenti e del P.D.d’Az., del fratello Vittorio, anch’egli eroe di guerra e caduto in guerra. Famiglia che a Sassari e all’Italia ha dato molto, anche il proprio sangue. Sassari dedica loro una strada, a due passi dal cuore cittadino di Piazza d’Italia, ma avrebbe potuto a breve spazzare via un luogo della florida campagna sassarese da sempre a loro vicino per trasformarlo in anonima periferia.

Non solo. Nicola Bellieni, figlio di Camillo, ne custodisce da tempo i valori ambientali e paesaggistici e fin dagli anni ’70 del secolo scorso ha formalizzato in più occasioni al Comune di Sassari la volontà di non richiedere alcuna previsione edificatoria, proprio per conservare i valori ambientali, storici, identitari di quella campagna sassarese.
Un caso più unico che raro, quello di un proprietario terriero che a Sassari, nel nuovo millennio, non vuol ricavare nemmeno un metro cubo dai propri terreni.

Ma la difesa della “campagna olivetata” dei Bellieni non è per nulla un “fatto privato”. E’ un caso emblematico di interesse pubblico di difesa dell’ambiente e dell’identità sassarese.

Per questi motivi, per la correzione del piano urbanistico, l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha appoggiato le richieste dei Bellieni. Insieme hanno presentato varie istanze (30 settembre 2012, 1 settembre 2014, 22 gennaio 2015) al Sindaco, all’Assessore alle Politiche per la Pianificazione territoriale, all’Assessore alle Politiche ambientali e ai Capigruppo consiliari del Comune di Sassari per provvedere – in via di autotutela (art. 21 quinques della legge n. 241/1990 e s.m.i.) – a una variante non sostanziale e minimale del P.U.C. e alla salvaguardia dell’area.

Nell’attuale P.U.C., infatti, la “Campagna Bellieni” è stata classificata “zona C 3 – ERP”, con un elevato indice di edificabilità, destinata a interventi di edilizia residenziale pubblica, senza che emerga alcuna congrua motivazione, comunque necessaria per legge, anche in considerazione della disponibilità di altre aree pubbliche da destinare a simili obiettivi.

Ora l’attuale Amministrazione comunale del Sindaco Nicola Sanna non può che prendere atto del provvedimento statale di salvaguardia della “Campagna Bellieni” e provvedere alla conseguente modifica del piano urbanistico comunale - P.U.C.
>>> FOTOGALLERY
Maracalagonis - Torre de su Fenugu

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici