..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Cultura index >>> FOTOGALLERY
“Starting Points, Punti di partenza”
Silvia Maxia espone a Bologna


BOLOGNA - Il 6 e 7 febbraio due quadri di Silvia Maxia saranno esposti nella Sala Cavazza, assieme a tanti altri artisti provenienti da tutta Italia. La mostra è ideata e diretta dal critico d’arte Eugenio Santoro





Silvia Maxia con una sua opera

Bologna, 3 febbraio 2016

Due opere di Silvia Maxia esposte a Bologna, nella Sala Cavazza al centro della città.
Questa è la prima esperienza bolognese della giovanissima artista ardaulese. La sua partecipazione, all’evento artistico-culturale “Starting Points, Punti di partenza”,è stata fortemente voluta da due giovanissime curatrici del posto, Valentina Lanzoni e Milly Magnani. La mostra ideata e diretta dal critico d’arte Eugenio Santoro, si svolgerà nel fine settimana del 6 e 7 febbraio 2016 e i due quadri di Silvia Maxia, saranno esposti nella Sala Cavazza, assieme a tanti altri artisti provenienti da tutta Italia. Silvia Maxia, nonostante la giovanissima età, da circa sei anni, nel suo paese natale, nel mese di Ottobre, organizza anche una rassegna d’arte, ormai diventata un classico: “Mostra collettiva d’arte di Ardauli”.
Dopo aver partecipato per svariati anni a molte manifestazioni culturali e mostre in diverse parti dell’isola, ha deciso di varcare il Tirreno e di far conoscere un po’ della sua arte e della sua Sardegna anche nel resto d’Italia.
L’arte è qualcosa che ormai gli è entrata nel sangue. Si è dedicata a questo campo già al termine dei suoi studi universitari, nell’indirizzo Storico di Beni culturali dell’Università di Cagliari e ormai pensa già a proseguire in questo campo di studi e lavorativo, sempre improntato nel mondo della storia e dell’arte, che trova molto congeniale a lei.
La mostra collettiva di Bologna si svolgerà con il seguente programma:
Mostra di progetti di giovani curatrici che saranno presenti per spiegare le loro idee per il futuro dell’Arte, coordinate da Eugenio Santoro. Tra parentesi gli artisti presentati:
-Anna Aprea (Chiara Rebeggiani, Claudia Conti, Margherita Marzaduri)
-Erica Baruto (Stella Fante)
-Oriana Chita (Piervito Aresta, Giovanna Zampagni)
-Anna de Fazio Siciliano (Martina Codispoti, Francesco Bartoli, M. Angeles Vila Tortosa, Antonio Bassano)
-Greta Frabetti
-Giulia Garompolo (Enrico Garoia, Paola Casto)
-Leda Geraci (Noemi Costanzo, Giancarlo Guadagnino)
-Valentina Lanzoni (Silvia Testino, Silvia Maxia)
-Milly Magnani (Silvia Testino, Silvia Maxia)
-Sara Milan (Roberto Remi)
-Silvia Mosca (Marco Bovolenta)
-Sara Navacchia (Francesco Mazzoli, Stefano Minotti, Elvira Bandini, Ilaria Faggiano, Alessandro Foschi)
-Valeria Ottaviano (Bruno Melappioni, Serena Ingham)
-Costanza Resini (Devid Penguti)
Silvia Maxia

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici