..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Cultura index >>> FOTOGALLERY
A NUORO SI ACCENDE IL FUOCO DI SANT’ANTONIO

NUORO - Sabato 30 Gennaio, dalle ore 17:00, nel piazzale antistante il Museo del Costume, l'ISRE celebrerà Sant’Antonio, il santo protettore degli animali domestici e stoico rappresentante di una vita solitaria lontana da tentazioni e agi
Nuoro, 27 gennaio 2016

Sabato 30 Gennaio, dalle ore 17:00, nel piazzale antistante il Museo del Costume, l'ISRE celebrerà Sant’Antonio abate attraverso le modalità di una festa tradizionale e l’accensione di un grande falò in onore del Santo. La manifestazione, volta ad avvicinare all'Istituto e alle sue strutture museali un pubblico sempre più vasto, vedrà l’offerta ai visitatori di cibi e bevande attorno al fuoco, mentre nell’auditorium del Museo si potrà assistere alla proiezione a ciclo continuo di alcuni filmati relativi alle celebrazioni in onore di Sant’Antonio a Mamoiada, Sedilo, Orgosolo, Orosei, Lodè e Torpè. Si tratta di sequenze realizzate dall’ISRE nell’ambito della propria attività di ricerca sul campo operata attraverso la documentazione visuale della cultura popolare della Sardegna, in un arco temporale ormai trentennale.

La storia

Sant’Antonio è il santo protettore degli animali domestici e stoico rappresentante di una vita solitaria lontana da tentazioni e agi. Nel suo vivere eremita egli subì numerosi attacchi da parte del demonio, che si propose tentatore sotto diverse forme. Antonio non abbandonò comunque il suo stato di asceta, e si rifugiò in caverne e anfratti che lo tenessero lontano dalle debolezze della carne. Morì a 105 anni in condizioni estremamente povere, ma il suo modus vivendi portò alla nascita del Monachesimo cristiano e dell'ordine degli Abati. Fu dichiarato guaritore, protettore, patrono, e rivolgendogli una preghiera particolare, si può ritrovare qualcosa andato perduto. Associato al temuto herpes zoster per alcune vescicole che il demonio gli procurò, non si arrese in nessuna circostanza, anzi, tornando dagli inferi da cui fu catturato, prese le braci su di un bastone e attraversando imperi glaciali le portò fino a noi per riscaldarci.
Per tanto coraggio ed esempio Antonio d'Egitto divenne presto Santo, e un rappresentativo falò lo ricorda ogni anno.

La tradizione

La tradizione regionale sarda accompagna al grande fuoco un simbolico assaggio della pietanza tipica di questa festa, le fave e lardo, accompagnate da un allegorico bicchiere di cannonau. Le preghiere o il voto da rivolgere al santo si sciolgono compiendo dei giri intorno alla fiamma, tre in senso orario e tre in senso antiorario.

L’ISRE, in collaborazione con l’Ente Foreste Regionale e la Coldiretti Regionale e Provinciale propone il caratteristico fuoco, condividendo con la comunità parte del proprio patrimonio filmico e un momento di convivialità, fede e tradizione.

Il fuoco di Sant'Antonio abate

 

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici