..it
.it
Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile
Antonio Pirisi
HOME
News
Ambiente
Cultura
Lavoro
Oltremare
Politica
Salute
Spettacoli
Sport
Taccuino
 

>>> Sport index >>> FOTOGALLERY
L'ottava edizione dell'Olimpiade del Gioco Tradizionale della Sardegna

VILLAMAR - NURECI - Villamar 29 settembre, Nureci 30 settembre. Un programma fittissimo e divertente, strapieno di giochi, esibizioni e appuntamenti che renderanno indimenticabili per tutti i bambini le ore trascorse durante il prossimo fine settimana










La coferenza stampa di presentazione dell'ottava edizione dell'Olimpiade del Gioco Tradizionale della Sardegna

VILLAMAR - NURECI, 24 settembre 2012
Un programma fittissimo e divertente, strapieno di giochi, esibizioni e appuntamenti che renderanno indimenticabili per tutti i bambini le ore trascorse a Villamar e Nureci durante il prossimo fine settimana. In programma infatti c'è l'ottava edizione dell'Olimpiade del Gioco Tradizionale della Sardegna, appuntamento ormai diventato imperdibile per piccoli e grandi.
Saranno 540 i bambini e i ragazzi tra i 5 e i 16 anni che, vestiti con abiti dell'inizio del 900, si sfideranno nei giochi dei loro avi. Negli splendidi angoli dei paesini della Marmilla sarà come tornare indietro di un secolo, con i bambini in strada a giocare a Luna Monta, a Su giogu ‘e su fusti o a Cadiredda santa. Solo per citare alcuni dei 24 giochi previsti nell'Olimpiade. Le squadre saranno undici, ognuna delle quali associata a un esemplare di animale e abbinata ad un colore.
Si comincia sabato mattina col Trofeo della Marmilla al quale partecipano le 6 squadre dei Consorzi mentre il giorno dopo a Nureci si presenteranno tutte le 11 squadre e si darà via poi ai giochi. Durante la giornata in programma ci sono anche laboratori, mostre e rappresentazioni come s'istrumpa e sa murra, l'esibizione dei thurpeddos, laboratori di giocattoli. Ci sarà spazio persino per piccoli tornei dedicati anche agli adulti.
I Comuni coinvolti in questa ottava edizione sono trentasei: oltre a quelli del Consorzio Due Giare e del Consorzio Sa Corona Arrubia, ci sono quelli di Nughedu San Nicolò, Orotelli, Soleminis, Siurgus Donigala, Bidonì e Abbasanta.
Quattro le provincie rappresentate: la provincia di Oristano, quella del Medio Campidano, quella di Nuoro e quella di Sassari. Nei Comuni che partecipano per la prima volta non ci si è limitati allo svolgimento dei laboratori didattici: il progetto curato da Roberta Muscas prevede infatti una ricerca sul campo attraverso interviste agli anziani dei paesi e dalle rilevazioni vengano selezionati nuovi giochi che entrano a far parte del database del progetto e quindi dell'Olimpiade. E così anno dopo anno lo studio dei giochi tradizionali sardi si rafforza e diventa più completo.
L’Olimpiade del gioco tradizionale della Sardegna vede anche quest’anno il rafforzamento del processo di cooperazione con i paesi del bacino del Mediterraneo. In autunno si celebrerà, infatti, l’inaugurazione della rete transnazionale di tutela del patrimonio immateriale del gioco tradizionale che vede come partner fondatori l’Olimpiade del gioco tradizionale, il Consorzio Due Giare, l’ALECSO (Agenzia intergovernativa operante nell’ambito dei Paesi della Lega Araba), l’Istituto Nazionale del Patrimonio di Tunisi e la Rete EUROETNHO del Consiglio d’Europa.
Lo scorso gennaio è stata sancita una convenzione a Tunisi per la costituzione di un Thesaurus del gioco tradizionale a livello mondiale e l'esportazione del modello Olimpiade nei paesi partner.

1966
1970
1971
1972
 
 

Editoriale Algherese Periodici