Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile: Antonio Pirisi

Agenda
News
Ambiente
Cultura

Spettacoli

Sport
Rubriche
Archivio
 
News
REGIONE
Governatore
Giunta
Agricoltura
Ambiente
Istruzione
Economia
Industria
Lavori pubblici
Lavoro
Sanità
Politica
Trasporti
Turismo
Politica
Consiglio
Presidenza
Commissioni
Interventi
PROVINCE
Cagliari
Carbonia Iglesias
Medio Campidano
Nuoro
Ogliastra
Olbia Tempio
Oristano
Sassari

Ambiente
Appuntamenti
Associazioni
Fotosub
Interventi
Itinerari
Natura &
Archivio

Cultura
Arte
Libri
Monumenti
Mostre
Premi
Limba
Archivio

Spettacoli
Cinema
Teatro
Musica
Eventi
Concorsi
Festival
Rassegne
Archivio
>>> News >>> FOTOGALLERY
Francesco Del Casino
Emozione in Maschera


Una splendida raccolta di opere realizzate nel giro di un anno dopo la visita al Museo delle Maschere Mediterranee effettuata la scorsa primavera
La mostra sarà visitabile dal 14 febbraio al 15 marzo 2009, dal martedì alla domenica dalle ore 9,00 alle 13,00, dalle 15,00 alle 19,00

Mamoiada 22.02.2009
Il Museo delle Maschere Mediterranee, in collaborazione con l' Amministrazione Comunale e la Biblioteca di Mamoiada organizza una mostra del grande artista Francesco Del Casino.
L'artista senese, pittore, scultore, ceramista di grande talento e forza creativa, protagonista e ispiratore del Muralismo politico a Orgosolo, si presenta per la seconda volta a Mamoiada con opere di ceramica e dipinti, catturato (anche lui) dall'emozione delle maschere dei Mamuthones alle quali dedica una sua personale.
Una splendida raccolta di opere realizzate nel giro di un anno dopo la visita al Museo delle Maschere Mediterranee effettuata la scorsa primavera.
Nella sala consiliare saranno esposte una trentina di opere tra dipinti e ceramiche, che traggono spunto dalle maschere del piccolo centro barbaricino. Ritroviamo le forme sinuose delle sue figure: donne-bambine-madri, pastori-bambini-padri, in simbiosi con gli animali e la natura; i corpi, dalla straordinaria forza espressiva e dinamica, si scompongono e ricompongono in modo inverosimile.
La mostra è stata inaugurata sabato 14 febbraio presso il Museo delle Maschere di Mamoiada. Alla presentazione sono intervenuti: Rita Mele, Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada; Graziano Deiana, sindaco di Mamoiada; Cristiana Collu, direttore artistico MAN di Nuoro; Gianfranco Fistrale, muralista e lo stesso Francesco Del Casino, artista.
La mostra sarà visitabile dal 14 febbraio al 15 marzo 2009, dal martedì alla domenica dalle ore 9,00 alle 13,00, dalle 15,00 alle 19,00.

FRANCESCO DEL CASINO dopo il diploma conseguito presso l'Istituto d'Arte di Siena ha frequentato il corso di Magistero presso l'Istituto d'Arte di Firenze, sotto la guida del Pittore Grazzini.
Al 1962 si può datare l'inizio vero della sua attività pittorica con la produzione di quadri di grandi dimensioni legati allo stile di Renato Guttuso, forse il maggior pittore dell'area "realista" dell'Italia del dopoguerra. Si avvicina in seguito sempre più all'esperienza di Pablo Picasso, di cui vedrà per la prima volta alcune opere dal vero durante un viaggio a Parigi, nel giugno del '68.
Nel 1964 lascia la Toscana e si trasferisce a Orgosolo, dove inizia l'attività di insegnante di educazione artistica nella scuola media inferiore. L'esperienza sarda dura venti anni e in questo periodo la sua produzione artistica si può quantificare in circa duemila quadri ad olio, che rappresentano una ricca galleria di uomini, donne e bambini del paese barbaricino.
Dal 25 aprile 1975, in occasione del XXX anniversario della Resistenza antifascista, inizia un'intensa attività di muralista a Orgosolo e in altri paesi della Sardegna, dove dipinge sui muri delle case la storia, le lotte, la vita di queste comunità. Nell' '85 torna in Toscana, dove continua l'attività di pittore da cavalletto e di muralista, coinvolgendo gli alunni delle scuole nelle quali insegna.
Successivamente, lasciata la scuola, si dedica con maggiore continuità alla pittura ed inizia un'esperienza, sempre più intensa, di scultura e ceramica. Quest' ultima attività diventa negli anni sempre più importante, portandolo ad impegnarsi, come animatore ed insegnante, in una cooperativa sociale frequentata da portatori di handicap e dedita alla produzione di ceramiche artistiche. Nel 2003 ha ricevuto, da parte dell'Amministrazione Comunale di Siena, l'incarico di dipingere il Drappellone per il Palio del 2 luglio.
La sua attività espositiva ha visto numerose mostre, personali e collettive, in Italia e all'estero; meritevoli di segnalazione sono le personali tenute a Siena, Nuoro, Reggio Emilia, Sanremo, Grenoble e Mosca.
Nel 1998 si è tenuta, a Orgosolo, un'importante mostra personale di pittura e scultura che ha avuto un grosso riscontro di pubblico e di critica. Numerose sono le pubblicazioni che lo riguardano, in forma di articoli su quotidiani e riviste, libri, documentari televisivi , sia italiani che esteri, che hanno mostrato particolare attenzione all'attività muralistica.


Domus De Maria - Chia, cemento a ridosso delle dune
Editoriale Algherese Periodici