Settimanale fondato nel 1972
Direttore Responsabile: Antonio Pirisi

Agenda
News
Ambiente
Cultura

Spettacoli

Sport
Rubriche
Archivio
 
News
REGIONE
Governatore
Giunta
Agricoltura
Ambiente
Istruzione
Economia
Industria
Lavori pubblici
Lavoro
Sanità
Politica
Trasporti
Turismo
Politica
Consiglio
Presidenza
Commissioni
Interventi
PROVINCE
Cagliari
Carbonia Iglesias
Medio Campidano
Nuoro
Ogliastra
Olbia Tempio
Oristano
Sassari

Ambiente
Appuntamenti
Associazioni
Fotosub
Interventi
Itinerari
Natura &
Archivio

Cultura
Arte
Libri
Monumenti
Mostre
Premi
Limba
Archivio

Spettacoli
Cinema
Teatro
Musica
Eventi
Concorsi
Festival
Rassegne
Archivio
>>> News >>> FOTOGALLERY
La Sardegna del primo Novecento nelle fotografie di Guido Costa

Palazzo Regio dal 30 gennaio al 31 marzo 2009 Ingresso libero, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19


Cagliari 07.02.2009

Grazie alla felice collaborazione con la Provincia di Cagliari, l’intero corpus del Fondo Costa, di proprietà dell’Istituto Superiore Etnografico della Sardegna, arriva per la prima volta a Cagliari e sarà esposto in una Mostra di 127 fotografie (più 14 gigantografie) allestita al Palazzo Regio, una Mostra che peraltro segna il ritorno dell’Istituto Etnografico nel campo delle grandi esposizioni fotografiche.
Il Fondo Costa prende il nome dall’autore delle immagini, Guido Costa, nato nel 1871 a Sassari e morto a Cagliari nel 1951, dove trascorse gran parte della sua vita. Cresciuto in una famiglia di vasti interessi culturali (il padre era Enrico Costa, noto scrittore e studioso della Sardegna), di professione insegnante di inglese, fu anche giornalista pubblicista, conferenziere e fotografo.
Le immagini che compongono la Mostra testimoniano la cultura visiva e la straordinaria sensibilità compositiva di Guido Costa, unite a sicura padronanza del mezzo e della tecnica, e documentano la Sardegna alle prime decadi del novecento.
Le fotografie riproducono donne, uomini, paesaggi, attività, eventi che riguardano tutta l’isola, da Cagliari e il Campidano ai territori dell’interno, fino alla parte settentrionale dell’isola. Un corpus rappresentativo dell’attività di Guido Costa fotografo, tanto più importante dal momento che il complesso della sua produzione è andato disperso.
Tratte da centoventisette negativi in bianco e nero su lastre di vetro e su pellicola al nitrato, le fotografie sono accompagnate da sintetiche didascalie e da alcuni brani dell’autore.
L’esposizione fotografica di Palazzo Regio è accompagnata inoltre da volumi e riviste relativi all’attività del pubblicista e del fotografo Costa, ma anche da alcune lastre originali della raccolta, apparecchi fotografici d’epoca dello stesso modello e marchio utilizzati da Costa, insieme a due lanterne magiche.
La pubblicazione che accompagna la Mostra presenta le immagini seguendo un itinerario ideale che parte da Cagliari e termina al nord con l’isola di Caprera. La prima parte comprende una ampia selezione di tavole a tutta pagina. Segue una sezione strettamente catalografica in cui le immagini sono descritte nei dettagli e con i dati tecnici, sotto forma di scheda, che includono anche brevi brani tratti da testi di Guido Costa.
La Mostra aperta da 30 gennaio chiuderà il 31 marzo 2009 (con ingresso libero, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19).


Domus De Maria - Chia, cemento a ridosso delle dune
Editoriale Algherese Periodici